Parrocchia di Gesù Divin Lavoratore
Via Bolivia 15
27029 Vigevano (Pv)
Tel. 0381 311650

LA PAROLA DEL PARROCO (torna all'indice)

AURORA DICEMBRE 2007 

LA PAROLA DEL PARROCO 

VI AUGURO UN NATALE DI GIOIA E DI SPERANZA!

Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi vi è nato nella città di Davide un salvatore, che è Cristo Signore” (Lc 2,10-11). - “Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra agli uomini che egli ama” (Lc 2,14). E’ questo il messaggio natalizio che risuona nel silenzio della Notte Santa: un messaggio di gioia e di speranza. Ne abbiamo bisogno noi, angustiati dalla attuale situazione di precarietà e di incertezza; ne ha bisogno il mondo intero, che non cessa di vedere violenze, guerre e ingiustizie; ne hanno bisogno i malati, gli anziani soli, gli immigrati, la gente disperata. 

Un messaggio di gioia

La festa di Natale ci assicura che non siamo soli, in balia del caso o di un destino cieco. Dio è entrato nella nostra storia, in un luogo ben definito, Betlemme, e in un preciso momento storico: al tempo di Cesare Augusto, sotto il governatore della Siria Quirinio, durante il censimento (Lc 2,1-2). Gesù non è un mito, non è una favola; appartiene alla nostra storia. Quel bambino che è nato a Betlemme è il “Salvatore”, “Cristo Signore” (Lc 2,11). In lui Dio si è fatto vicino, solidale con noi; è venuto a condividere la nostra sorte, si è fatto “consorte”; si è fatto “bambino”, a quel livello umano che favorisce l’incontro e l’accoglienza.Con la sua nascita egli viene a dirci una tenerezza senza limiti, una misericordia che ci avvolge, un’amicizia che non ci abbandonerà mai.Dio si è fatto come noi per farci come lui”: così cantiamo in questo tempo di Natale. Dio si è fatto come noi, per rispondere al nostro bisogno di essere amati, al nostro bisogno di felicità e di realizzare in pienezza la nostra vita. Con la sua nascita Dio “ci ha detto tutto e ci ha dato tutto”. Senza di lui la nostra vita sarebbe un insieme di illusioni destinate ad infrangersi in altrettante delusioni. Con lui la nostra vita ha un futuro, che va oltre la precarietà del presente.

 Un messaggio di speranza

Pace in terra agli uomini”. Gesù viene a vivere con noi e ci porta la pace. Egli è la Verità che ci dona la pace. Egli viene:

- a promuovere la convivenza pacifica tra gli uomini;

- a costruire una società governata dalla giustizia;

- a insegnarci come rispettare e garantire i diritti universali di ciascun uomo;

- per farci vivere relazioni di fraternità e di collaborazione;

- a guidarci lungo le strade del perdono e della riconciliazione.

Dal momento che Gesù, “principe della pace” (Is 9,5), è in mezzo a noi, la pace è possibile. Il Natale porta a tutti gli uomini questo messaggio di gioia e di speranza, come l’ha portato ai pastori di Betlemme, che “andarono alla grotta e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino che giaceva nella mangiatoia” (Lc 2,16).E come essi tornarono alle loro greggi glorificando e lodando Dio e annunciando “ciò che del bambino era stato detto loro” (Lc 2,17), così noi siamo chiamati a farci portatori di gioia e di speranza”. Come essere portatori di gioia e di speranza?

 Accogliamo il Signore che viene

I. Mettiamo Gesù al centro della nostra vita, a partire da questo Natale. Non sciupiamo il Natale mettendovi al centro il nostro benessere, lo “star bene tra noi”, la “tranquillità personale” o, peggio ancora, i regali, i panettoni, i cenoni. Il Natale non è la “nostra” festa, maè la festa di Gesù che nasce per noi. E’ Gesù il motivo della festa. E’ Gesù il Salvatore della nostra vita. Anche noi, come i pastori, “andiamo a vedere quel Bambino che è nato” (cf. Lc 2,15). Non sfrattiamolo dalla nostra vita, come hanno fatto gli abitanti di Betlemme; facciamogli posto: apriamo gli occhi della fede per vederlo, gli orecchi per ascoltarlo, il cuore per accoglierlo. Di lui possiamo fidarci. Egli è l’amico sincero che ci guida per le strade della vita. Egli non ci abbandona mai. 

II. Accogliamo Gesù nelle nostre case e nelle nostre istituzioni: egli viene a portare il

calore dell’amore. Noi gli facciamo posto, quando in famiglia ci accettiamo, ci perdoniamo, ci parliamo, condividiamo gioie e dolori. Noi lo accogliamo quando ci rispettiamo e coltiviamo relazioni positive tra di noi: sul posto di lavoro, nelle scuole, negli uffici, negli stadi. Noi lo accogliamo quando in paese o nel quartiere promuoviamo rapporti sinceri e sereni di buon vicinato. 

III. Accogliamo Gesù che si fa incontro a noi nei fratelli più poveri. Molti di essi sono simili a quel Bambino “sfrattato” da Betlemme. Molti non trovano posto nelle fabbriche, nelle case, nel cuore degli uomini. Sono i disoccupati, i cassaintegrati, gli immigrati. Sono le mamme abbandonate dal marito o i mariti abbandonati dalle loro spose; sono i vecchi dimenticati nelle case di riposo e le persone sole ed emarginate; sono i giovani che non riescono a dare un senso alla loro vita e i bambini senza affetto, segnati dalle violenze. Come i pastori di Betlemme, andiamo a visitare questi “presepi” tragici e reali, che ci sono in mezzo a noi; facciamo posto per loro nella nostra vita, nel nostro cuore, nei nostri bilanci, nelle nostra istituzioni. Allora possiamo augurarci davvero “Buon Natale” e possiamo celebrarlo in sincerità di cuore. Allora siamo davvero “annunciatori di gioia e di speranza”.

Con questi sentimenti auguro a tutti: Buon Natale!

don Mauro

UN ICONA PER IL NATALE…. 

 

 LA NATIVITA’ DI EMIL NOLDE (1912 – SEEBULL) 

1. GENERALE

Emil Nolde, pittore cresciuto nell’ambiente della frontiera tra la Germania e la Danimarca, è un artista che ci ha lasciato una serie di opere a soggetto religioso di grande impatto emotivo. Questa che vediamo è la Natività, la prima scena di un polittico intitolato “La vita di Cristo”, che raccoglie otto quadri, tra cui la terribile Crocifissione, la commovente Deposizione e la fiammeggiante Risurrezione. Presentata all’Esposizione Universale di Bruxelles, la sua fu un’opera che creò indignazione e scandalo perché riusciva con una forza brutale a trasmettere l’idea di una ricerca di fede tormentata, e che però diventava contemporaneamente una denuncia furibonda delle diverse forme del male. Ciò che disorientò allora il pubblico, nell’arte espressionista ( …e che forse disorienta ancora alcuni di noi oggi, abituati ad immagini natalizie più tradizionali), non fu tanto la deformazione della natura, quanto la violenza fatta alla bellezza ideale. Nolde, come gli altri artisti espressionisti, sentivano così intensamente la sofferenza umana, la miseria, la violenza, le passioni etc… che rifiutavano radicalmente l’idea dell’armonia come criterio assoluto dell’arte: un’opera che portasse l’impronta dell’eleganza formale dei maestri della classicità e del rinascimento sembrava loro disonesta e ipocrita. In particolare in Germania, i primi anni del ‘900 erano tempi di grandi tensioni, in cui si avvertiva l’esigenza di cambiamenti radicali (ricordiamo che siamo alla vigilia della Prima Guerra Mondiale con i milioni di morti causati dalla volontà di potenza che si impose nelle grandi nazioni europee): per questo, un gruppo di artisti che intendevano tagliare di netto col passato fondarono una società chiamata “Die Brucke” (Il Ponte) a cui aderì anche Emil Nolde. Il movimento espressionista fu poi messo al bando dal Nazionalsocialismo, salito al potere nel 1933, e l’arte di questi pittori fu considerata “degenerata”. Ma Emil Nolde amava il suo mondo e la sua storia: la sua arte in fondo, fu un tentativo di redenzione, senza nostalgie e senza fughe dalla realtà. Quello di Nolde è un linguaggio che si allontana intenzionalmente da ogni ricerca di imitazione della realtà naturale; è un linguaggio che utilizza i colori per i loro valori espressivi rendendoli un mezzo per comunicare la visione tragica della vita che l’autore ha condiviso con altri artisti suoi contemporanei. Questo rosso, questo blu, questo bianco sono davvero densi, intensissimi, sovraccarichi. Le forme ci appaiono estremamente semplificate, alla maniera dei bambini o dell’arte dei popoli primitivi. Tuttavia, al di là del fatto che questa Natività possa piacere o meno, dobbiamo riconoscere che l’immagine è animata da un’energia tutta sua, che trova il suo vertice nel gesto naturalissimo e straordinario di questa giovane mamma che alza orgogliosamente il suo neonato verso il cielo, come un trofeo splendido,una meraviglia da mostrare al mondo intero. Il parto è un’esperienza impegnativa e faticosa, ma che poi si traduce in festa, come ricorda anche un detto citato nel vangelo di Giovanni 16,21: “La donna, quando partorisce, è afflitta, perché è giunta la sua ora; ma quando ha dato alla luce il bambino, non si ricorda più dell'afflizione per la gioia che è venuto al mondo un uomo”. Nolde vuole proprio dar forma e colore a questa gioia materna, istintiva e immediata, che esplode per la nascita del bambino. Del resto non bisogna dimenticare che l’artista era nato in campagna, e che dalla sua aspra regione d’origine, sferzata dai venti del nord e sfidata dalla furia del mare, egli aveva ereditato un carattere rude ed istintivo che lo spinse sempre al di là di ogni convenzione. L’occhio attento può ritrovare nella sua pittura le influenze di Van Gogh e di Gauguin, grandi maestri che Nolde aveva scoperto durante un suo soggiorno a Parigi, ed anche l’impronta di Munch.  Lo stile di Nolde era stato segnato anche da una grave malattia che aveva reso il suo spirito ancora più spigoloso. Dopo la guarigione, a partire dal 1909, egli ha cercato di esternare la sua inquietudine spirituale e la sua ribellione contro i valori convenzionali stabiliti dalla società in modo particolare con le sue opere di soggetto religioso che interpretavano il ruolo di voci profetiche e provocatorie (es. la denuncia contro l’idolatria della ricchezza e dell’irresponsabilità dei suoi contemporanei attraverso la “danza attorno al Vitello d’Oro”!). 

2.  IL BAMBINO

Innalzato verso il cielo, stretto tra le mani dalla mamma, il piccolo Gesù Bambino contrasta nettamente con il blu della notte sullo sfondo. E’ per lui che scaturisce il largo sorriso di Maria, lo sguardo misterioso di Giuseppe, il movimento dei pastori in marcia sul prato, l’inchino rispettoso della natura rappresentata dal mite asino. Il neonato ha ancora le fattezze di un grumo di carne e di sangue appena formato; è dipinto con un ocra gialla, un colore di terra… di quella terra che lo impasta, lui, Figlio di Dio, fattosi ora l’Emmanuele, il Dio con noi. La sua “humilitas”, il suo essere fatto di humus/terra è la più grande denuncia di ogni nostra tentazione “mitico-eroica”. Dunque un bambino innalzato sì verso il cielo, ma un bambino che viene a sporcarsi con la nostra terra, con la nostra storia, decretando con la sua Incarnazione la fine del “sacro”, la fine di ogni ricerca di Dio in cielo.: da Natale, abbiamo imparato a guardare in terra per incontrare il Signore, così come ci insegna il canto “Tu scendi dalle stelle”. E’ questa la grande gioia che ci permette di vivere in questo mondo senza imporci lo sforzo impossibile di diventare superuomini… senza bisogno di disincarnarci, così come afferma Xavier Lacroix: “E’ così che comprendiamo la vita spirituale come modo di vivere il proprio corpo. Divenire spirituale è vivere il proprio corpo come donato e fatto per il dono. Lungi dall’essere disincarnazione, la spiritualizzazione è incarnazione”. “Caro, salutis cardo”: lo capiamo immediatamente guardando questo bambino così poco celestiale e molto terreno, questo fagottino di carne elevato al cielo, questo bambino che riassume le attese dell’umanità  in ricerca di verità, giustizia e di pace… le stesse attese di Emil Nolde che lo ha dipinto così! 

3.  MARIA E GIUSEPPE

Giuseppe ha il volto segnato da un’espressione stranita, incerta, accentuata dagli occhi cerchiati di nero, alla moda egizia: è un’eco della iconografia cristiana più antica, quella che gli riservava un posto defilato ed il ruolo di uomo tentato, che fa fatica a comprendere il mistero inabbracciabile di un Dio che si fa uomo (cfr. arte bizantina e romanica).  Maria, invece è raggiante di gioia: ha il profilo tipicamente semita, dai tratti pronunciati. Sembra bearsi alla vista del frutto del suo grembo, mentre vuole anche rendere grazie a Dio che glielo ha donato. Le grandi campiture di colore uniforme che modellano le loro forme sono molto “materiche” e si staccano come delle silhouette dal fondo scuro.  

4.  LA STELLA, I PASTORI, LA MANGIATOIA

Dalla porta aperta che apre la prospettiva al di là delle figure in primo piano, scorgiamo, oltre il mite asinello rivolto alla mangiatoia, il prato verde, i pastori in cammino e soprattutto la stella che brilla nel cielo. Questa stella è collocata lungo la linea diagonale tracciata dalle braccia levate di Maria e dal Bambino: è per lui che brilla questo astro, segno messianico, profetizzato dal celebre testo del Libro dei Numeri, al capitolo 24 versetto 17 : “Una stella spunta da Giacobbe e uno scettro sorge da Israele”. E’in lui che si incontrano gioiosamente il cielo e la terra rappresentata da questa semicirconferenza verde, che ricorda antiche geometrie sempre nelle Icone Orientali. E’ a lui che stanno accorrendo questi pastori che hanno seguito l’invito dell’angelo.

Tutto ciò accade di notte: la notte è il tempo del silenzio, del raccogliersi in se stessi, dell’attesa e della maturazione dei frutti. E’ nel cuore della notte che risuona il grido: “Ecco lo sposo!”. Nella Bibbia la notte è anche il tempo dei sogni profetici, il tempo della liberazione dalla schiavitù, dalle impressioni e dalle oppressioni della vita quotidiana. Per questo forse è così cara a Nolde.  

5.  GENERALE

Di fronte a questa immagine noi ci vogliamo soffermare, per raccoglierci e per lasciarci raggiungere dal messaggio di fede che Nolde ha espresso con il suo caratteristico linguaggio artistico espressionista. Il disegno è caratterizzato da una estrema essenzialità; i colori contrastano visibilmente tra loro; i gesti e le espressioni sono così immediate e spontanee… e tuttavia a ben guardare questo dipinto sa comunicare una bellezza tutta sua. Nolde dipinge col cuore, con la sua impulsività, con le sue emozioni viscerali e, proprio per questo le sue immagini sono immediatamente percepibili e non richiedono un grande sforzo di interpretazione. Se ci pensiamo bene,  ci rendiamo conto che questa modalità espressiva risulta particolarmente coerente con il messaggio della Natività, quello cioè di un Dio che ama la terra e l’umanità fino al punto di entrarci dentro, con tutto il rischio e lo scandalo che questo comporta. Ecco che allora possiamo davvero imparare ad apprezzare questo genere di pittura particolarmente aderente alla quotidianità, con i suoi ambienti realistici al limite del rudezza, e con le sue figure così poco spirituali e molto “carnali”. In questa Natività, un canto di trionfo esplode irresistibile: tra le angosce e le speranze di questo mondo è nato un Bambino. Anche noi siamo provocati a rivolgerci con amore a questo nostro tempo, a questo nostro mondo: infatti, noi siamo, come quel Bambino, figli di questo mondo. Nascita e morte, corpo e terra, pane e vino… questa è la nostra vita. La terra, da quando Gesù ha voluto abitarvi, è la nostra patria, sia come uomini che, ancor più, come cristiani! Noi siamo di quaggiù… anche noi di color ocra. Il mistero della Natività è una beatificazione per noi, figli della terra, perché da allora anche Dio appartiene ad essa, ed i suoi discepoli sanno di poterlo cercare e trovare quaggiù. In questa terra è sceso il Figlio di Dio “e si è fatto uomo”. Adesso, come nel dipinto di Nolde, quaggiù c’è luce, c’è vita, perché l’Emmanuele ha voluto diventare il cuore divino del mondo terreno. Questa Natività, dopo circa un secolo, torna a riproporci anche oggi l’annuncio di un Dio che ha voluto “starci dentro” a questo mondo, che ha voluto nascere come figlio della terra… di una terra che aspira ad essere trasfigurata, affrancata dal male e dalla morte, come desiderava lo stesso artista. Emil Nolde ha cercato di dircelo con la sua arte anti-idealista, anti-borghese, anti-religiosa (nel senso negativo del termine): la sua è una testimonianza non solo di dissenso rispetto alla società costituita ma è un’espressione di della volontà e dell’impegno per cambiarla. E’ quindi per lui un dovere sociale, un servizio a cui intende adempiere… da vero figlio che ama la terra! Da Natale, i discepoli di Cristo imparano a non cercare più di evadere da questo mondo, fosse pure per i grandi motivi ideali cantati dagli antichi miti pagani (Prometeo, Marsia, Icaro…) o per la tentazione empia di scalare il cielo dei testi giudaici (Nemrod, Babele…). No, noi non possiamo più farlo, perché Cristo ormai è presente nel cuore di questa terra…è stato lui stesso a scendere e dimorarvi; perciò noi possiamo e dobbiamo amarla, perché il cristianesimo è la fede che ama la terra!

 

 

COLORA IL NATALE              

 

 

 

contatti: info@parrocchiabattu.org