Parrocchia di Gesù Divin Lavoratore
Via Bolivia 15
27029 Vigevano (Pv)
Tel. 0381 311650

LA PAROLA DEL PARROCO (torna all'indice)

AURORA FEBBRAIO 2010

 

LA FORZA DELLA VITA

XXXII Giornata nazionale per la vita

 Chi guarda al benessere economico alla luce del Vangelo sa che esso non è tutto, ma non per questo è indifferente. Infatti, può servire la vita, rendendola più bella e apprezzabile e perciò più umana.

Il benessere economico però, non è un fine, ma un mezzo, il cui valore è determinato dall’uso che se ne fa: è un servizio della vita, ma non è la vita. Anche per questo Gesù ha proclamato beati i poveri e ci ha messo in guardia dal pericolo delle ricchezze (cfr. Lc. 6,20-25). Alla sua sequela e testimoniando la libertà del Vangelo, tutti siamo chiamati ad uno stile di vita sobrio, che non confonde la ricchezza economica con la ricchezza di vita. Ogni vita infatti è degna di essere vissuta anche in situazioni di grande povertà.

La crisi economica che stiamo attraversando può costituire un’occasione di crescita. Essa infatti ci spinge a riscoprire la bellezza della condivisione e della capacità di prenderci cura gli uni degli altri.

Ci fa capire che non è la ricchezza economica a costituire la dignità della vita, perché la vita stessa è la prima radicale ricchezza e perciò va strenuamente difesa in ogni suo stadio, denunciando ancora una volta il delitto dell’aborto. Sarebbe assai povera ed egoista una società che, sedotta dal benessere, dimenticasse che la vita è il bene più grande.

Proprio il momento che attraversiamo ci spinge ad essere ancora più solidali con quelle madri che, spaventate dallo spettro della recessione economica, possono essere tentate di rinunciare a interrompere la gravidanza e ci impegna a manifestare concretamente loro aiuto e vicinanza. Ci fa ricordare che, nella ricchezza o nella povertà, nessuno è padrone della propria vita e tutti siamo chiamati a custodirla e rispettarla come un tesoro prezioso dal momento del concepimento fino al suo spegnersi naturale.

(dal Messaggio dei nostri Vescovi) 

“La Chiesa a servizio dell’amore per i sofferenti”

L’11 febbraio è una data che i cristiani associano alle apparizioni della Madonna a Lourdes e alla giornata del malato.

Il tema della giornata mondiale del malato 2010 invita le comunità cristiane a riflettere sul servizio ai sofferenti, con i quali Cristo stesso si identifica.

La sofferenza è una dimensione ineliminabile nella vita di ciascuno e pur essendo un mistero insondabile e inspiegabile, non è priva di senso e di valore nel contesto dell’esperienza umana. Anzi essa diventa, nella luce di Cristo crocifisso e risorto, “luogo di apprendimento della speranza”.

Perché ciò avvenga, però, è necessario che le persone sofferenti non siano mai lasciate sole nel loro dolore e siano efficacemente sostenute nelle loro necessità. Siamo tutti chiamati a consolare chi soffre con la vicinanza fraterna, la preghiera e le opere di carità.

Dall’impegno della Chiesa nasce una secolare tradizione di consolazione che si attua mediante l’accoglienza e presa in carico del malato e l’umanizzazione delle cure.

VIVIAMO LA QUARESIMA

La Quaresima è tempo di grazia. San Paolo ci esorta a non accogliere invano la grazia di Dio. Il Signore dice infatti: “al momento favorevole ti ho esaudito e nel giorno della salvezza ti ho soccorso”. Ecco ora il momento favorevole, ecco ora il giorno della salvezza! (2 Cor. 6,1-2).

E’ tempo di conversione e di riconciliazione con Dio. Ne è segno e strumento il prezioso sacramento della Penitenza. “Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio” (2 Cor 5,20).

E’ tempo di purificazione interiore, di rigenerazione spirituale. Ecco i momenti di preghiera, le via Crucis in chiesa e nelle strade della parrocchia.

E’ tempo di “deserto”, è spazio di silenzio e di preghiera , di ascolto della Parola di Dio: “la condurrò nel deserto e parlerò al suo cuore”(Os.2,16). La Parola di Dio è la sorgente e il nutrimento della fede, poiché la fede viene dall’ascolto. Ecco allora l’invito a frequentare i centri di ascolto e i momenti di catechesi offerti  sia in parrocchia che in città per lasciarci convertire dalla Parola che ci guida al bene delle nostre anime.

La quaresima ci induce a condurre una vita improntata alla vigilanza e alla sobrietà, di cui il digiuno e l’astinenza sono segni emblematici “Siete figli della luce… non dormiamo dunque come gli altri, ma vigiliamo e siamo sobri”(1,Tess. 5,5-6).

La Quaresima ci immette nel mistero pasquale della morte e risurrezione di Cristo, di colui che mi ha amato e ha consegnato se stesso per me. Il cuore della Quaresima è l’Eucaristia, che è la celebrazione di questo mistero pasquale, mistero di amore e sorgente di amore: è l’amore del Signore che genera in noi l’amore per i fratelli. 

CALENDARIO DELLA QUARESIMA

 

Mercoledì delle ceneri: ore 18,00 S. Messa e imposizione delle ceneri.

                                      Ore 21,00 Celebrazione penitenziale e imposizione delle    

                                         Ceneri.       

Venerdì di Quaresima: 19/02 ore 21,00 Via Crucis in via dei Pioppi.

                                      26/2  ore 21,00 Via Crucis in via Vercelli

                                      05/03 ore 21,00 Via Crucis in via Alessandria

                                      12/03 ore 21,00 Via Crucis in via Tombetti

                                      19/03 ore 21,00 Via Crucis in via Bolivia (guidata dagli         

                                         Scout).      

Centri di ascolto della Parola         22/02 ore 21,00 presso le famiglie

                                               08/03 ore 21,00 presso le famiglie

                                               22/03 ore 21,00 in chiesa con S. Messa

 

Il silenzio e la presenza

Se posso augurarti qualcosa, ti auguro il silenzio. Silenzio è meravigliarsi, sperare, lottare.

Ci sono silenzi che gridano.

E’ il silenzio che parla. Silenzi lunghi dell’anima che mettono in comunicazione con se stessi, con i fratelli, con Dio.

La misura dell’uomo è la sua capacità di stare in silenzio. Non penso solo alle grandi anime dei monaci che stanno in contemplazione, agli uomini che sono dentro la storia, dentro gli avvenimenti, dentro la cultura del nostro tempo.

Il silenzio ci aiuta a dare uno sguardo novo su tutte le cose, perché non soffoca l’interiore. 

ANAGRAFE PARROCCHIALE

 BATTESIMI: Tessa Manuel figlio di Adriano e Portanova Paola nato a Vigevano il 12/06/2009 e battezzato il 02/01/2010.

FUNERALI: Albertario Luigi di anni 88, coniugato con Magnani Paola, deceduto il 04/01/2010. Combi Rosa, di anni89 vedova di Gallotti, deceduta il 12/01/2010. Zambelli Carla, di anni 85, vedova di Santi Sergio, deceduta il 23/01/2010. 

OFFERTE DI GENNAIO

Per il battesimo di Coldesina Riccardo €.100 e non €. 30 come erroneamente scritto. N.N. €.50. Per battesimo di Tessa Manuel €.20. N. N. €.100. Consorzio Crispino e Crispiniano €.1.800. Per funerale di Albertario Luigi €.100. In memoria di Coldesina Giovanni €.40. In memoria di Carrera Francesco €. 40. In memoria di Antonio Viale €.10. In memoria di Amelia €.30. I vicini di casa Milanesi Preda Mazzoli Montagna Coldesina in memoria di Albertario Luigi €. 80. In memoria di Bessi Pietro €.10. In memoria di pasquale €. 40. In memoria di Longo Mario €.10. In memoria di Morgantini Giovanni €. 20. In memoria di Lucia €.10. In memoria di Guido €.10.In memoria di Cesare €. 10. Assemblea pensionati €.100. In memoria di Teresa e Giuseppina €.10. Per funerale di Zambelli Carla €. 85. Per pranzo dell’amicizia €. 317. In memoria di Giuseppina e Virginio €.10. Fam. Pampuri €.50. Per affitto saletta €.50. 

VITA PARROCHIALE

Alla fine di gennaio si è riunito il Consiglio Pastorale della parrocchia e il parroco ha voluto evidenziare quelli che dovrebbero essere gli orientamenti delle attività pastorali negli anni a seguire.

Innanzitutto maggiore attenzione ai ragazzi e ai giovani sia per quanto riguarda le attività dell’oratorio che la catechesi in quanto non siamo ancora riusciti ad organizzare un gruppo del post-cresima, fondamentale per avere poi animatori del grest e catechisti.

Dare più spazio alle famiglie e ai genitori dei bambini del catechismo poiché loro hanno bisogno di aiuto e di spazzi per i loro figli e la parrocchia può trovare in loro un valido sostegno nel portare avanti le attività educative che si prefigge nei confronti dei bambini della parrocchia.

Il vangelo che viene insegnato a catechismo e poi celebrato in chiesa, deve essere sostenuto, accompagnato e arricchito da tutte le iniziative che animano la vita della parrocchia. I bambini hanno si bisogno di apprendere le verità della fede, ma saranno facilitati in questo se potranno vivere quanto imparato, partecipando alla vita della Comunità. Ecco allora l’importanza dell’oratorio dove si dovrebbero svolgere attività ricreative organizzate e seguite dagli adulti. Noi adulti e voi genitori dobbiamo diventare un po’ bambini per amore dei piccoli e giocare con loro. 

VITA IN ORATORIO

 Carnevale in maschera. Anche quest’anno gli animatori dell’oratorio, giovani e adulti, hanno pensato di organizzare il carnevale in maschera domenica 14 febbraio, ma con una novità: il Giovannino d’oro. E si, si è voluto inserire nella festa del carnevale quello che era stato una tradizione nella parrocchia di Battù, il Giovannino d’oro. Pertanto ci aspettiamo molti bambini che vengano a cantare e a giocare con noi domenica pomeriggio, accompagnati dai loro genitori possibilmente mascherati.

Programma:    ore 14,30 ritrovo in oratorio

                        Ore 15,00 concorso canoro

                        Ore 16,00 sfilata in maschera

                        Ore 16,30 merenda con dolcetti

Buon divertimento!

28 Febbraio gita a Colle don Bosco


 

 

contatti: info@parrocchiabattu.org