Parrocchia di Gesù Divin Lavoratore
Via Bolivia 15
27029 Vigevano (Pv)
Tel. 0381 311650

LA PAROLA DEL PARROCO (torna all'indice)

AURORA GENNAIO 2009

Carissimi parrocchiani,

è iniziato un nuovo anno e la nostra vita, segnata dal tempo, ci fa prendere coscienza del nostro essere pellegrini sulla terra, del nostro procedere verso una meta, il regno di Dio e che il Signore abita in mezzo a noi e cammina con noi.

In questo cammino che abbiamo appena incominciato, la Chiesa ci invita ad invocare per noi e per l’umanità il bene della pace. Quella preziosa condizione interiore che ci porta ad essere in pace con noi stessi e con gli altri. La pace è connessa all’amore reciproco, al riconoscimento del nostro essere fratelli, alla comunione. Se non si impara a volersi bene non si riesce a costruire la pace. Volersi bene significa saper vedere le necessità dell’altro, le sue povertà e farsene carico. L’umanità è chiamata a una conversione alla carità, a rivedere i sistemi di convivenza umana, in modo che siano a vantaggio del bene comune.

Avvicinandosi la giornata del Migrante e del Rifugiato (18 gennaio), San Paolo, l’apostolo delle genti, ci è di esempio perché impariamo a farci solidali con questi nostri fratelli e sorelle e a promuovere, in ogni parte del mondo, la pacifica convivenza fra etnie, culture e religioni diverse.

Non sempre riusciamo a considerare nostri fratelli e sorelle le persone straniere che arrivano da noi. Dobbiamo pregare per la pace, convinti che essa è dono di Dio. E’ lui che rende il nostro cuore più buono, ci fa sentire fratelli, appartenenti allo stesso Padre. Gesù è la nostra pace, Lui fa dei due un popolo solo, in Lui si riunisce la nostra offerta al Padre.

Come la rugiada del mattino scende sull’erba, così in questo inizio d’anno, Gesù è la benedizione del Padre su di noi e la luce che illumina il nostro cammino terreno. Invochiamolo e lasciamoci condurre da Maria, sua e nostra madre, per conoscerlo e amarlo sempre più.

                                                                  Don Florindo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

L’INNO ALLA CARITA’

Siamo nel pieno dell’anno paolino, indetto per celebrare il bimillenario della nascita dell’apostoli Paolo, collocata dagli storici tra il 7 e il 10 d.C.

Uno dei brani più famosi delle sue lettere è il cosi detto inno alla carità che si trova nella 1 lettera di Paolo ai Corinti, al capitoli 13.

Nell’Enciclica “Deus caritas est” di Benedetto XVI° viene definito “ la magna carta dell’intero servizio ecclesiale”, poiché presenta la carità come qualcosa che è molto più che una semplice attività. L’apostolo dichiara infatti che uno che distribuisce tutte le sue sostanze ai poveri, se non ha la carità, non ne trae alcun vantaggio. Non basta dunque dare, occorre anche avere e precisamente avere carità. Dare senza carità, dice S. Paolo, non giova a chi dà.

La carità viene descritta positivamente in quello che è: pazienza, bontà, illimitato perdono, illimitata sopportazione e viene pure descritta in quello che non è: niente invidia, orgoglio, cattive azioni e cattivi pensieri.

Tutti gli altri doni avranno fine, non invece la carità. 

 

LA FORZA DELLA VITA NELLA SOFFERENZA 

In occasione della giornata della vita, i Vescovi italiani hanno scritto un messaggio intitolato “La forza della vita nella sofferenza”. In esso troviamo scritto che la via della sofferenza si fa meno impervia se diventiamo consapevoli che è Cristo, il solo giusto, a portare la sofferenza con noi.

Il dolore arriva nella nostra vita a volte in modo silenzioso e subdolo, oppure irrompe nella quiete di casa nostra con prepotenza, come un bandito. Può essere la sofferenza causata dal distacco di persone care, di situazioni di vita disperate, dalla difficoltà di vivere in pace con noi stessi o con gli altri, oppure è causato dalla solitudine o dalla malattia sia essa del corpo o dello spirito.

Ci sono anche situazioni dolorose che ci sferzano, facendoci trovare una forza che non immaginavamo di avere.E’ la forza che Dio ha infuso in noi quando ci ha donato la vita per amore. Se cancelliamo dio creatore e vogliamo affrontare il dolore da soli, rischiamo di compiere azioni sbagliate, come quella di sopprimere una vita. Non si può mai sopprimere una vita, sia pure per alleviare il dolore di una persona cara. Le strade per dare sollievo sono altre. Gesù porta la sofferenza con noi!

ANAGRAFE PARROCCHIALE

Battesimi: Sacchi Stefano 8/12. Cozzi Daniele il 21/12. Piscina Ginevra il 27/12.

Funerali: Pellegrino Giuseppe di anni 36. Curti Sergio di anni 77. Zanella Maria di anni 85. Franoso Gino di anni 68.

 OFFERTE DI DICEMBRE 

Da vendita oggetti regalo €. 150. In memoria di Rosa e Domenica €.10. Per funerale di Pellegrino Giuseppe €.50. N.N. €.40. Per battesimo di Sacchi Stefano €. 100. Da vendita icone €.400. N.N. pro riscaldamento €.50. In memoria di Sonetti Giuseppina €.20. In memoria di Girella Alessandro €.10. Per pranzo scout €.145. N.N. €.10. Per funerale di Curti Sergio €.50. In memoria defunti Cavalli Mandiroli €.100. Per battesimo di Cozzi Daniele €.50. Gruppo Fatima per uso oratorio €.70. Per funerale di Zanella Maria €.50. N.N. pro riscaldamento €.50. N.N. €.500. Per battesimo di Piscina Ginevra €.100. Per funerale di Franzoso Gino €. 50. Altre offerte N.N. €. 240.

Totale €.2.245.

 

VITA PARROCCHIALE

 

Omaggio a Gesù bambino

Promessa coccinelle

 

Canto della promessa

Seguendo la tua legge, al motto tuo fedel

Le ali apri al vento, noi voleremo insiem.

            Ricordati nel tuo volo

            Che un solo cerchio ci tien

            Intatta nel tuo cuore

            La tua promessa mantien.

Dammi la man sorella,

insieme vogliamo volar

in gran catena unite

nessun ci potrà separar.

Dall’alto Dio ci vede

Ci guida sul suo sentier

O coccinella serba

La tua promessa nel cuor.

 

 

 

Preghiera delle coccinelle

 

Eccomi Gesù con il mio cuore vicino al tuo.

Aiutami a volerti bene,

ad essere buona con tutti,

a compiere bene il mio dovere di ogni giorno,

ad amare la natura che hai creato

come l’ha amata San Francesco.

 

Benedici le persone che mi sono care

E i bambini di tutto il mondo.

Fa che io trovi sempre in te la mia gioia.

Così sia.

 

 

 12/1 ore 21Incontro Consiglio affari economici.

14/1 e 21/1 ore 21 Incontro preadolescenti (postcresima).

25/1 ore 12,30 L’oratorio famigliare organizza un pranzo per le famiglie. Prenotarsi.

26/1 ore 21 Consiglio pastorale.

 

L’ANGOLO DELLA SAGGEZZA 

Quando l’ultima fiamma sarà spenta                            

l’ultimo fiume avvelenato                                              

L’ultimo pesce catturato,                                               

solo allora capirete                                                       

che non si può mangiare denaro!

Massima di un grande capo pellerossa.                              

 

 

 

 

contatti: info@parrocchiabattu.org