Parrocchia di Gesù Divin Lavoratore
Via Bolivia 15
27029 Vigevano (Pv)
Tel. 0381 311650

LA PAROLA DEL PARROCO (torna all'indice)

AURORA GENNAIO 2011

Il VANGELO SECONDO MATTEO

                

Sono terminate le feste di Natale, che ci hanno introdotto e fatto vivere il mistero del Figlio di Dio nato bambino sulla terra per la nostra salvezza. Ora anche noi come Maria siamo chiamati ad approfondire questo mistero meditando tutti gli avvenimenti che lo riguardano e comparandoli con la nostra vita.

Ci lasceremo guidare dall’Evangelista Matteo che ha scritto il suo Vangelo attorno agli anni 70-80 d.C.

Questo vangelo si articola attorno a cinque grandi discorsi:

1.     Il discorso della montagna (cap. 5-7)

2.     Il discorso missionario ( cap. 10)

3.     Il discorso in parabole (cap. 13)

4.     Il discorso ecclesiale (cap. 18)

5.     Il discorso escatologico (cap. 24-25)

Matteo, ebreo convertito, avrebbe scritto una specie di Pentateuco cristiano come continuità e compimento del Pentateuco mosaico (i primi cinque libri della Bibbia). Il fatto che i cinque discorsi rimandino al Pentateuco, significa che per Matteo, Gesù è il nuovo Mosè.

Questi cinque discorsi sono preceduti dagli episodi dell’infanzia (cap. 1-2) e della passione-morte-risurrezione di Gesù. Il numero cinque diventa così sette che rappresenta la perfezione. Il Gesù di Matteo rappresenta la pienezza della rivelazione di Dio e della salvezza.

Un’ ultima considerazione su questo Vangelo. Matteo vede Gesù come l’Emmanuele, il Dio con noi, colui che accompagna i suoi tutti i giorni fino alla fine del mondo. Il cristiano, nelle varie vicende della vita, può sempre contare sulla presenza spirituale di Gesù. Lui diventa la sua forza e la sua speranza.

 

UNA SOLA FAMIGLIA UMANA

Il 16 gennaio ricorre la giornata mondiale delle migrazioni che ha come titolo “Una sola famiglia umana”. Oggi si fa fatica a guardare all’umanità come a una sola famiglia umana, perché siamo troppo presi dai nostri egoismi e interessi.

La vocazione del popolo di Israele, per bocca dei suoi profeti, era quella di essere luce delle nazioni, segno di un Dio che cammina con l’uomo. La Chiesa, continuando su questo insegnamento, parla dei popoli come di una sola grande famiglia in Cristo, dove ognuno è considerato fratello perché figlio di un unico Padre celeste.

                   

Il messaggio del papa per questa giornata aiuta ad approfondire due temi della dottrina sociale della Chiesa: la cittadinanza globale e la fraternità universale. Siamo tutti cittadini di un unico mondo e fratelli perché appartenenti ad un unico popolo, quello di Dio. La Chiesa è chiamata ad essere segno e strumento dell’unità del genere umano, perché ogni uomo sia considerato un fratello e il mondo una sola famiglia umana.

 LE RADICI DELLA FEDE IN FAMIGLIA

Come la famiglia è il luogo primario che deve offrire le radici umane, affettive e sociali ai figli, così essa deve essere il luogo dove si mettono le basi della fede. La fede si deve respirare con l’aria di casa, perché essa non è semplicemente comunicazione di un sapere teorico, ma trasmissione di un modo di vivere, di pensare, di agire. Come si impara ad amare sperimentando l’affetto dei genitori, così si impara a pregare pregando con i genitori. Nessuno meglio dei genitori può avere accesso alla chiave del cuore dei loro figli. 

Fino a che la famiglia è stata permeata dai valori cristiani, tutto questo era naturale. Ora, che è venuto meno il modello della famiglia cristiana, è necessario che i genitori che chiedono i sacramenti per i loro figli, prendano sul serio l’impegno di accompagnarli nella vita cristiana. Il Concilio Vaticano II° definisce i genitori “I primi maestri della fede”, ma essi non saranno di grande aiuto ai loro figli se non riaprono il discorso della fede su loro stessi. Per poter raccontare la fede ai loro figli e aiutarli a viverla, devono prima viverla loro dando l’esempio del pregare, del vivere un minimo di partecipazione alla vita cristiana della parrocchia.

Partendo da questo contesto mi propongo, con l’aiuto dei catechisti e degli animatori dell’oratorio, di far vivere ai bambini del catechismo e ai loro genitori tanti momenti di vita parrocchiale sia in chiesa che in oratorio. La famiglia ha bisogno di essere messa al centro dell’attenzione della parrocchia e di essere aiutata a far crescere cristianamente i loro figli.

Da voi genitori mi aspetto più impegno nella crescita cristiana dei vostri figli, mettendovi voi stessi in gioco per primi.

                                               Don Florindo

ANAGRAFE PARROCCHIALE

 Hanno ricevuto il battesimo: Jepez Matteo, figlio di Jefferson e Andrea Puruncajas, nato a Milano 11/02/2010 e battezzato il 04/12/2010. Schiesaro Valentina, figlia di Alessandro e di Colombetti Katia, nata a Vigevano il 15/05/2010 e battezzata il 05/12/2010. Lebba Viola, figlia di Roberto e di Jurato Mirella, nata a Vigevano il 05/07/2010 e battezzata il 05/12/2010.

Hanno formato una famiglia cristiana: Rossi Marco e Pastormerlo Marta il 04/12/2010.

Funerali: Brigato Ferdinando di anni 72, vedovo di Coldesina Maria, deceduto l’ 08/12/2010. Benazzato Ugo di anni 83, coniugato con Benazzato Amalia, deceduto il 17/12/2010. Farinella Paolo, di anni 59, coniugato con Armano Gandolfa, deceduto il 22/12/2010. Barini Oreste, di anni 77,coniugato con Zara Wally e deceduto il 30/12/2010.

 

OFFERTE DICEMBRE

In memoria di Pizzocchi Carlo €.30. Vendita sciarpe €.420 per riscaldamento. Per matrimono Rossi – Pastormerlo €.100. Per battesimo Jepez matteo €.30. per battesimo di Lebba Viola €.50, di Schiesaro Valentina €.50. Gli amici dell’oratorio €.50 in memoria di Cattaneo Marcellino. In memoria di Jolanda e Giuseppa €.10. In memoria di Coiladu Antonio €.10. N. N. €.35. In memoria di Alfa e Guerino €.10. Per funerale di Brigato Ferdinando €.75. Per funerale di Mantovan Maria €.75. In memoria Fam. Provasi €. 30. In memoria di Coci Giuseppe €.30. In memoria di vasco €.20. N. N. €.40. In memoria di neri Alfredo €.10. In memoria di Wlma e Teresio €.15. In memoria di luigina €.10. In memoria di Lucia e Isidoro €.10. Per il funerale di Benazzato Ugo €.75. Le amiche di Maria €.300. Residuo mostra ricamo €.300. N. N. per riscaldamento €.50. In memoria di Palmira, Alida e Giovanni €. 50. N. N. €. 90 per riscaldamento. In memoria di Giuseppina €.15.

 

SPAZIO ORATORIO

 Giovannino d’oro.

Volendo coinvolgere sempre più i bambini e i loro genitori nella vita di oratorio, abbiamo pensato, catechisti e animatori, di riprendere la vecchia tradizione del “Giovannino d’oro” e “le torte di mamma Margherita”. Domenica pomeriggio 6 febbraio, alle ore 15, tutti voi bambini siete attesi in oratorio per la gara canora e le vostre mamme  o nonne con le torte della ricetta di famiglia.

 Sarà sicuramente un momento di festa e di grande partecipazione. Vi attendo numerosi e col sorriso sulle labbra.

OMAGGIO DI NATALE

                     

Sabato 18 dicembre, un bel gruppo di bambini del catechismo e i ragazzi degli scout del gruppo Stella polare della parrocchia hanno voluto rendere un omaggio di Natale ai loro genitori e a tutta la parrocchia. I piccoli e anche i più grandicelli si sono esibiti in canti natalizi e in scenette che richiamavano lo spirito del Natale, con grande compiacimento dei loro genitori e degli animatori.

Un grazie speciale a tutti coloro che hanno collaborato ad allestire il palco, la coreografia e i vestiti dei bambini. La pazienza e il tempo impiegato per le prove è stato poi ripagato dalla soddisfazione per la buona riuscita della manifestazione.

E’ stato sicuramente un bel momento di collaborazione tra gli scout e la parrocchia.

Speriamo che anche in futuro ci possano essere altri momenti in comune e vedere la partecipazione di tanti bambini con i loro genitori.

La parrocchia è per voi, Gesù è per voi, non dovete temere, ma avvicinarvi con fiducia.

                     

                     

                     

                     

Invito a rinnovare l’abbonamento all’Aurora €.15 e a fare la tessera NOI ASSOCIAZIONE per chi frequenta l’oratorio.

 

 

 

contatti: info@parrocchiabattu.org